STOP ALLA PUBBLICITÀ DELLE AZIENDE INQUINANTI


Le multinazionali dell'auto, del trasporto aereo e i colossi energetici come Eni e Shell, continuano indisturbate a farsi pubblicità, mentre immettono nell’ambiente enormi quantità di CO2, inquinano l’aria e generano un rischio per la nostra salute e per il Pianeta. E pensano di continuare a farlo.

Nel 2003 l’Unione Europea, riconoscendo il rischio per la salute, vietò alle aziende del tabacco di farsi pubblicità.
Firmando questa Petizione Europea, possiamo ottenere lo stesso risultato contro le multinazionali più inquinanti del mondo.


Esortiamo la Commissione europea a proporre un atto legislativo dell'UE che:

  • vieti la pubblicità dei combustibili fossili e dei servizi di trasporto aereo, stradale e per via navigabile che utilizzano combustibili fossili, fatta eccezione per i servizi di trasporto di interesse economico generale; 
  • vieti la pubblicità di qualsiasi impresa attiva nel mercato dei combustibili fossili, in particolare nell'ambito della loro estrazione, raffinazione, fornitura, distribuzione o vendita; 
  • vieti le sponsorizzazioni da parte delle imprese di cui al punto 2 o l'utilizzazione di marchi o denominazioni commerciali utilizzati per i combustibili fossili.

Tale atto rientrerebbe nella competenza dell'UE in quanto consisterebbe in una regolamentazione del mercato interno volta a rafforzare la protezione dei consumatori e a fornire un livello elevato di tutela della salute pubblica e dell'ambiente.

L'atto accrescerebbe in effetti la consapevolezza del pubblico in merito ai prodotti e alle tecnologie responsabili dei cambiamenti climatici e di altri danni ambientali e sanitari, perseguendo gli obiettivi previsti dalle politiche dell'UE in materia di tutela dell'ambiente e dei consumatori attraverso l'armonizzazione delle norme in materia di pubblicità e sponsorizzazione dei combustibili fossili.

Ciò rientrerebbe nell'ambito della competenza concorrente, che comprende il mercato interno, l'ambiente e la protezione dei consumatori (cfr. l'articolo 4 TFUE).

Basta dare visibilità ai grandi inquinatori!
FIRMA LA PETIZIONE EUROPEA

Campo Obbligatorio.

Campo Obbligatorio.

Campo Obbligatorio. Email non valida.

Campo Obbligatorio. Inserisci un numero di cellulare valido.

Partecipando alla petizione riceverai informazioni in linea con le tue preferenze e interessi su questa ed altre attività di Greenpeace. Tuteliamo la tua privacy.

Se vuoi partecipare direttamente alle ICE clicca qui







PERCHÈ LA PUBBLICITÀ

Ogni gigante ha il suo punto debole.
Le multinazionali più inquinanti al mondo sono tutte attive nel mercato dei combustibili fossili e continuano a inquinare con il loro business fatto di gas, petrolio e carbone, ignorando gli allarmi della scienza sui cambiamenti climatici e sui rischi per la salute.
Sono indifferenti di fronte alle vittime dello smog, delle frane e delle alluvioni, o agli incendi che devastano intere foreste.
Ma sono sensibili alle loro perdite finanziarie.

Per questo dobbiamo agire sulle loro campagne pubblicitarie: se non potranno più pubblicizzare i loro prodotti, ridurremo il loro potere di influenzare il mercato.
Aiutaci a metterle con le spalle al muro.

Firma per chiedere all’Unione Europea una legge che vieti le pubblicità e le sponsorizzazioni delle aziende inquinanti.





Che cos’è questa
Petizione ICE?

ICE (o ECI, in inglese) è l’acronimo di Iniziativa dei Cittadini Europei, uno strumento ufficiale di partecipazione diretta alla politica dell'Unione Europea.
Se entro un anno di tempo viene raggiunto l’obiettivo di 1 milione di firme raccolte - con un minimo raggiunto in almeno sette paesi membri -, la Commissione Europea è obbligata a esprimersi in merito all'Iniziativa dei Cittadini, esponendo le sue conclusioni giuridiche e politiche e l'eventuale azione che intende intraprendere.

Perché sono richiesti
tutti questi dati?

Questa non è una normale petizione. Oltre alla tua email, sono richiesti anche il numero del documento di identità e altri dati personali. Le firme vengono indirizzate alla Commissione Europea che, per validare legalmente la firma, ha bisogno dei dati che dimostrino che i cittadini firmatari sono europei e che abbiano firmato una volta soltanto.

firma
ora